Casinò Online Regolamento AAMS in Italia

Fin dall'Impero Romano, in Italia sono esistite attività di gioco in varie forme. Anche se le leggi sul gioco d'azzardo nel paese si sono rivelate eque rispetto ad altri paesi europei, c'erano dei pregiudizi. Solo la National Horse Breeders Enhancement Society (UNIRE) e il Comitato Olimpico Italiano (CONI) avevano la libertà di ospitare inizialmente scommesse sportive come il gioco d'azzardo online. Non è stato tutto roseo perché alcuni operatori hanno iniziato a lamentarsi, il che era allarmante e necessitava di azioni immediate. Non gli piaceva che gli italiani potessero giocare in qualsiasi casinò non AAMS senza pagare tasse sulle vincite.

Fasi della regolamentazione del gioco online in Italia

Nel 2003, la Commissione Europea ha ricevuto una denuncia dagli operatori legittimi e ha deciso di agire. L'organismo ha avviato nel 2006 una procedura d'infrazione contro l'Italia che ha indotto il Paese a considerare alcuni emendamenti. Il paese ha consentito la fornitura di bingo, lotterie e scommesse a distanza. Il mercato italiano del gioco d'azzardo è stato aperto anche agli operatori dei paesi EFTA e dell'UE purché rispettassero le condizioni in vigore. Nello stesso anno, 2006, con il decreto Bersani sono stati aperti i giochi di abilità a distanza e di carte.

La legge abruzzese del 2009 ha consentito all'Italia di legalizzare i giochi d'azzardo a quota fissa e il poker online. L'ordine regolava anche lo scambio di scommesse a distanza, le scommesse sui terminali di videolotterie e le scommesse virtuali. Sono state inoltre approvate le scommesse sportive e l'introduzione di un'aliquota fissa del 20% basata sull'utile lordo. Nel marzo 2010, gli operatori di casinò online stranieri sono stati autorizzati a servire i cittadini italiani purché abbiano prima acquisito una licenza nazionale.

Più tardi, nel 2010, il governo italiano con il decreto Comunitaria ha allentato la cintura nel mercato del gioco d'azzardo. Non solo l'autorità ha consentito i giochi in contanti dei casinò online e del poker, ma anche i satelliti e i tornei di poker sono stati legalizzati. È stato inoltre registrato un tasso di rimborso minimo del 90% di ciò che viene raccolto dai giocatori.

AAMS ha dichiarato l'apertura del mercato italiano delle slot online con effetto immediato a dicembre 2012. Ciò ha aperto le porte a più operatori e la tassazione era prevista in aumento. AAMS ha cambiato nome in ADM (Agenzia delle Dogane e dei Monopoli) nel 2014.

Secondo la pubblicazione del Dipartimento Ricerche di Statista nel settembre 2019, l'afflusso di cassa in Italia per il mercato del gioco d'azzardo è stato di 102 miliardi di euro nel 2017. La maggior parte del denaro è stato speso in terminali di videolotterie e slot machine. Le scommesse sul calcio hanno restituito il meglio con 8,1 miliardi di scommesse.

Il decreto Balduzzi nel 2012 ha introdotto nuove regole pubblicitarie sulla pubblicità del gioco d'azzardo. L'ordinanza vieta la pubblicità di giochi con premi in denaro diretti principalmente ai giovani nelle trasmissioni radiofoniche, televisive, cinematografiche e teatrali. La legge ha anche vietato la pubblicità di giochi con premi in denaro su pubblicazioni, riviste, su Internet, trasmissioni radiofoniche e televisive che incoraggiano i minori a partecipare.

Nel 2016 la legge Balduzzi ha aggiunto alcune restrizioni in più. L'ordinanza vieta la pubblicità di giochi radiofonici e televisivi tutti i giorni dalle 7:00 alle 22:00. L'ordinanza del Ministero dell'Economia e delle Finanze in accordo con il Ministero dello Sviluppo Economico del luglio 2016 ha escluso le lotterie nazionali e le sponsorizzazioni nel settore dell'istruzione, della ricerca e della cultura dai limiti dei media specializzati.

Attualmente, l'Italia ha più di 200 siti web di gioco d'azzardo. Il sito web del casinò online porta il numero con 150 di loro. Il resto rappresenta siti Web di poker online, siti Web di bingo online e casinò mobili. Ciò ha reso l'Italia il paese leader per entrate lorde da gioco d'azzardo tra i paesi europei entro il 2018. Il Regno Unito, la Germania, la Francia e la Spagna seguono rispettivamente l'Italia.

Il 1° gennaio 2019 è entrato in vigore il Decreto Dignità. La legge ha vietato la pubblicità diretta e indiretta relativa a scommesse o giochi con premi in denaro su tutte le trasmissioni radiofoniche e televisive, piattaforme di social media, cartelloni pubblicitari e pubblicazioni. Pesanti sanzioni vengono multate per gli operatori coinvolti in questi atti illegali. Verrà applicata una multa del 5% del valore dell'annuncio che è fissato in un minimo di 50.000 euro.

Altre leggi sono state approvate dalle autorità italiane per il gioco d'azzardo, ma rimangono non praticate a causa della pandemia di corona. Sperano di metterli in vigore entro il 2021. Tra questi c'è il requisito che tutte le slot machine siano controllate da un sistema di monitoraggio nel paese e la restrizione dei luoghi di gioco vicino a strutture come le scuole.

La tassazione è stata inoltre aumentata con l'introduzione di una nuova tassa sulle vincite. I giocatori che vincono più di 200 euro sui terminali delle videolotterie pagheranno il 20% di tasse a partire dal 15 gennaio 2019. I giocatori che partecipano ad altre lotterie popolari saranno multati del 20% su vincite superiori a 500 euro a partire da marzo.

Anche l'aumento dell'imposta sulle slot machine e sui giochi di videolotteria è passato dal 21,68% e 7,93% rispettivamente al 23,85% e all'8,50%. Per combattere l'aumento dell'effetto fiscale, gli operatori hanno adeguato la percentuale di ritorno al giocatore. Le slot machine lo impostano al 65% RTP mentre VLTS all'83% RTP.

A febbraio 2020 le tasse sulle slot machine sono passate dall'1,32% al 23% mentre quella delle VLT è aumentata dal 7,9% al 9%. Le tasse dovrebbero aumentare di nuovo a gennaio 2021 con l'obiettivo di aumentare le entrate del gioco d'azzardo nel paese.

Licenze e requisiti

Il gioco d'azzardo è disciplinato dal diritto primario e dal diritto derivato. Il primario prevede disposizioni del codice civile e altre norme mentre il secondario richiede l'attuazione delle norme emanate da ADM. Il governo italiano ha nominato l'Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (AAMS) che in seguito è cambiata in ADM per rilasciare licenze di gioco e far rispettare tutte le procedure amministrative in materia di scommesse.

La licenza copriva i seguenti giochi:

  • Giochi da casinò
  • Bingo
  • Piscine per cavalli
  • Giochi di abilità
  • Giochi di poker in contanti
  • Tornei e solitari di poker
  • Risolti gli sport dispari e totalizzatori più i giochi di cavalli.

Gli operatori richiedono quanto segue per acquisire una licenza:

  • Per operare ad alto livello tecnico fornendo servizi facili da usare, sicuri e stabili.
  • Negli ultimi due anni l'azienda ha gestito giochi in Europa con un fatturato di oltre 1.500.000 euro.
  • Membri amministrativi affidabili e impegnati.
  • Il supporto tecnico e il paese ospitante ufficiale devono essere membri dell'UE.

350.000 euro da versare all'AAMS per facilitare la supervisione, la gestione tecnica e l'amministrazione.

Ti potrebbe interessare

© 2022 migliori-casino.info