L'Italia pone fine al limbo delle licenze per i negozi di scommesse

Gli sviluppi normativi positivi in Italia hanno visto i bookmaker porre fine al loro limbo di licenze, in quanto il Parlamento ha permesso di estendere le concessioni per altri due anni fino al 2024. I ministri italiani hanno deciso di scavalcare la revisione dell'ADM, l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, sulle concessioni di licenze che erano state disattese nel corso del 2021, quando i franchisee di Snaitech, Lottomatica, Sisal, SKS365 ed Eurobet avevano atteso una sentenza ritardata sul numero di agenzie di scommesse a cui sarebbe stata riapprovata la licenza.

Il Parlamento ha concesso le proroghe delle licenze, in vista di una probabile riorganizzazione del settore del gioco d'azzardo in Italia nei prossimi due anni. Gli operatori italiani sono stati informati che le proroghe delle licenze saranno concesse a un costo annuale di 7.500 euro per ogni franchising, con un tetto massimo di 5755 negozi di scommesse.

Il governo italiano ha appoggiato la decisione, stimando di ricevere altri 63 milioni di euro dagli operatori autorizzati, ponendo fine al purgatorio delle licenze per i loro franchisee di scommesse che da tempo soffrono. L'estensione ha portato nuove speranze che il governo italiano riformi il settore del gioco d'azzardo, come richiesto dal Ministero dell'Economia e delle Finanze all'inizio dell'anno.

A febbraio, il Ministero dell'Economia ha pubblicato i "principi desiderati" per governare il gioco d'azzardo italiano, concentrandosi sulla riduzione dei danni da gioco problematico, sulla cessazione delle attività del mercato nero e sull'ottimizzazione delle entrate fiscali.

Anche se auspicato, il Ministero dell'Economia non ha ancora presentato il suo "Disegno di legge sulla riorganizzazione del gioco d'azzardo", che richiederà il voto del Parlamento e l'approvazione dei governi regionali italiani per entrare in vigore.

Il Ministero è favorevole a una "riorganizzazione territoriale" del gioco d'azzardo che costringa gli esercizi terrestri (sale scommesse, bingo, sale giochi) a "ridurre gradualmente" le loro sedi all'interno di "ambienti concentrati e sicuri". Altre misure prevedono che gli operatori autorizzati utilizzino "controlli centralizzati obbligatori" come limiti di spesa/tempo per i clienti, limiti di puntata e accesso immediato al registro nazionale italiano di autoesclusione.

Ti potrebbe interessare

© 2022 migliori-casino.info