L'uscita di Draghi fa inciampare il gioco d'azzardo italiano sulle riforme

Gli affari normativi del gioco d'azzardo italiano sono stati lasciati in un limbo dopo le dimissioni del primo ministro Mario Draghi, che hanno segnato la probabile rottura della coalizione di governo italiana. Alle dimissioni di Mario è seguito il caos, in quanto il Presidente Sergio Mattarella ha chiesto lo scioglimento del Parlamento e l'anticipazione delle elezioni generali al 25 settembre, con un anno di anticipo rispetto al previsto. Tutti gli affari politici del governo sono stati bruscamente sospesi perché Forza Italia e Lega, l'ala destra di una fragile coalizione, si rifiutano di lavorare con il populista Movimento Cinque Stelle.

Uno stallo normativo impedisce alle agenzie governative di adottare la "Legge di riorganizzazione" proposta dal Ministero dell'Economia. All'inizio dell'anno, il Ministero dell'Economia aveva pubblicato i suoi "obiettivi desiderati" per governare il gioco d'azzardo italiano attuando nuove riforme del settore per "ridurre i danni del gioco problematico, eliminare le attività del mercato nero e ottimizzare le entrate fiscali".

Gli sviluppi positivi hanno visto il Ministero assicurarsi il sostegno trasversale per la legge di riorganizzazione, che ha evitato gli ostacoli del controllo di parte, per essere presentata all'ufficio di Draghi per la revisione finale, la cui approvazione era necessaria per programmare un voto parlamentare. Senza un premier e con il Parlamento sciolto, il gioco d'azzardo italiano è stato ancora una volta messo da parte per quanto riguarda il suo futuro normativo, in cui gli operatori storici richiedono una risoluzione definitiva sulle concessioni delle licenze, sulla fiscalità e sulla governance.

La bozza di proposta del Ministero aveva raccomandato una riduzione graduale delle sale da gioco terrestri (negozi di scommesse, sale giochi e sale bingo), un risultato condiviso con l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ADM). Nonostante la riduzione dei locali terrestri, gli operatori storici italiani hanno espresso il loro sostegno ai piani di riorganizzazione del Ministero, a condizione che gli emendamenti risolvano le annose controversie sulle concessioni di licenza relative al gioco d'azzardo online, alle macchine al dettaglio e ai negozi di scommesse in franchising.

La questione è urgente, poiché gli operatori stranieri e nazionali hanno presentato ricorso contro una revisione dell'ADM che ha portato alla scadenza delle concessioni online alla fine dell'anno. Mentre si profilano elezioni lampo, il gioco d'azzardo italiano sarebbe favorevole a una "alleanza di centro-destra" formata da Forza Italia e Lega per prendere il governo e togliere al Movimento Cinque Stelle "anti-gioco d'azzardo" qualsiasi influenza a Palazzo Chigi.

Partito di minoranza di due governi di coalizione, l'ostilità dei Cinque Stelle nei confronti del gioco d'azzardo si è fatta sentire profondamente negli ultimi cinque anni, durante i quali il gioco d'azzardo italiano ha visto un aumento delle tasse di anno in anno e l'applicazione di un divieto generalizzato di pubblicità televisiva e di sponsorizzazioni sportive. Sebbene non ci sia alcuna garanzia che la "Legge di riorganizzazione" sopravviva oltre settembre, un governo senza l'influenza dei Cinque Stelle sarà visto come un risultato positivo per l'industria.

Nel frattempo, una settimana di caos politico si è conclusa con una nota positiva per il gioco d'azzardo italiano: le dimissioni di Draghi hanno visto il Parlamento sciogliere il "gruppo di lavoro sul finanziamento dello sport" che aveva proposto un'ulteriore tassa dell'1% sul fatturato da applicare a tutti i settori delle scommesse sportive.

Guidata dal sottosegretario allo Sport Valentina Vezzali, l'imposta sul fatturato era stata raccomandata come proposta da applicare al piano economico post-pandemia di Draghi per affrontare le sfide dell'inflazione dilagante. Contro gli ordini di Draghi, i partiti della coalizione hanno litigato e non sono riusciti a trovare un accordo su come l'Italia dovrebbe utilizzare i fondi post-pandemia e affrontare l'inflazione, le sfide del costo della vita e le relazioni del Paese con la Russia.

Ti potrebbe interessare

© 2022 migliori-casino.info